Tu sei qui
Home > Test Drive > Ford Mustang 2.3 EcoBoost, il nostro Test Drive.

Ford Mustang 2.3 EcoBoost, il nostro Test Drive.

Ford Mustang 2.3 EcoBoost e il circuito internazionale di Vallelunga.

Metti una giornata all’autodromo internazionale di Vallelunga, metti una Ford Mustang 2.3 EcoBoost da 317 Cv, metti la pista completamente sgombra. Solamente noi e la striscia di asfalto infuocata del circuito. Il risultato è stato una delle giornate più divertenti delle quali avessi memoria.

I puristi del mondo delle auto ora staranno storcendo il naso, una Ford Mustang quattro cilindri in linea turbo da soli 317 Cv? Ma cosa sarebbe? Sento già i pensieri e gli improperi. Il motore per una muscle car è solo il 5.0 V8!

La Ford Mustang 2.3 EcoBoost mentre percorre il rettilineo di Vallelunga
La Ford Mustang 2.3 EcoBoost mentre percorre il rettilineo di Vallelunga

Permettetemi di dissentire, indubbiamente il poderoso 5.0 V8 garantisce una riserva inesauribile di coppia e sufficiente potenza per stampare un sorriso ebete sul volto di tantissime persone. Ma con il costo del carburante e le tasse di possesso che gravano pesantemente in Italia, la piccola Pony-Car spinta dal 2.3 EcoBoost è un valido compromesso. Valido, Esatto!

Il circuito internazionale di Vallelunga “Pietro Taruffi” è caratterizzato da 10 curve, 7 a destra e 3 a sinistra, la larghezza media è di 11 metri fino ad arrivare a 14 metri sul traguardo, con senso di marcia orario.

Ford Mustang 2.3 EcoBoost, ruote in pista.

Il semaforo della corsia Box da luce verde a indicare il via libera, inseriamo la prima e via, parte il giro di ricognizione. 60 Km fino all’uscita dalla corsia di accelerazione, si continua a rimanere sulla destra fino alla fine della riga bianca dell’immissione in pista. 4ª marcia, un po’ di gas e si percorre tutto il giro familiarizzando il più possibile con la Ford Mustang 2.3 EcoBoost; freni potenti quasi in’attesa la forza disponibile, durezza della frizione, sensibilità del pedale del gas, resistenza dello sterzo, taratura delle sospensioni.

Ford Mustang 2.3 EcoBoost, il giro lanciato.

In uscita dalla curva Roma, l’ultima del tracciato, si imposta il giro lanciato. Giù tutto il pedale del gas e poco prima del traguardo inserisci la 4ª marcia, giri e velocità salgono velocemente, pochi istanti e sei già all’inizio della curva grande, “peli” il gas quel tanto che basta per evitare di perdere il controllo allo scollinamento, punti il cordolo interno e tieni giù il gas. Ancora 4ª marcia, quasi al limitatore. Ti attacchi ai freni per la prima violenta staccata, 3ª marcia e si passa da circa 200 km/h a circa 100 Km/h per la Cimini 1. Lasci scorre la vettura sulla sinistra così da impostare la curva successiva, in uscita dalla Cimini 2 accompagni la Mustang 2.3 EcoBoost così da rimanere sulla sinistra del tracciato, sfiori il cordolo interno di curva 6 mantieni il gas al massimo. Nuovamente 4ª marcia e dritti fino alla curva Campagnano.Ford Mustang 2.3 EcoBoost Box

Violenta staccata, inserisci la 3ª marcia nuovamente, controlli il gas in uscita evitando di chiudere troppo lo sterzo e lasci ancora scorrere la vettura, imposti la traiettoria per affrontare la curva Soratte e freni forte. Sempre 3ª marcia, raccordi bene curve 9 e 10 affondi il gas fino ad arrivare alla curva del Semaforo. Questa curva si affronta tagliando sul cordolo interno il più possibile così da impostare al meglio la curva del Tornantino.

Il Tornantino, traiettoria tutta a destra, salti sul cordolo e accompagni la Ford Mustang 2.3 EcoBoost sempre lasciandola scorrere in esterna. Giù il gas e punti curva 13, inizio delle esse. Questa sezione della pista è la più insidiosa. Sacrifichi la prima così da impostare bene curva 14, esci sempre controllando il posteriore che non derapi troppo e via verso la curva Roma.

Tutto il gas possibile, 4ª marcia e stacchi violentemente all’inizio del cordolo di sinistra posto a 150 m prima della curva Roma. 3ª marcia allunghi la traiettoria sulla sinistra e tagli forte sul cordolo interno, controlli il sovrasterzo. Appena vedi l’uscita di curva apri forte il gas e il giro veloce due è già iniziato.

Ford Mustang 2.3 EcoBoost, come si comporta.

Abbiamo girato sia con i controlli di stabilità e trazione inseriti, giro di ricognizione, sia con l’elettronica impostata su sport.

Il risultato è interessante, nel primo caso l’elettronica interviene solamente quando esageri con gas e sterzo, controllando il sovrasterzo e il sottosterzo in modo da rendere facile la guida. Per quanto mi riguarda un po’ troppo invadente per chi si vuole girare in pista e che abbia le giuste competenze per “divertirsi” in sicurezza.

Durante il secondo giro abbiamo “anestetizzato” l’elettronica quel tanto che basta per essere noi a guidare, senza però spegnerla del tutto, mantenendo il controllo più nelle nostre mani più che nel programma di ESP e TCS. Il divertimento è assicurato, la vettura diventa più reattiva e più impegnativa da domare ma comunque gestibile. Piatta, stabile e veloce, anche se occorre dire che le dimensioni sono importanti i cambi di peso sono però semplici da gestire. La potenza sempre disponibile, l’accelerazione concreta, costante. Il cambio un orologio, la frizione e marcie entrano tranquillamente. Sulle staccate violente consiglio vivamente di usare la “doppia”, così da evitare inutili rischi al gruppo della trasmissione e bloccaggi degli pneumatici posteriori inutili e rischiosi.

Lo sterzo è semplice, preciso, sensibile ma stabile, non c’è fatica. I Freni sono colossali, parliamo di freni di serie e staccate violente, eppure sono sufficienti a frenare la Ford Mustang 2.3 EcoBoost con facilità anche dopo 5 staccate violente.

Indubbiamente non consigliamo di adottare uno stile di guida simile ne in strada ne in pista. Facilmente intuibile il perché nel primo caso mentre nel secondo lo sconsigliamo a causa dei materiali utilizzati, anche se si sono comportati egregiamente, non sono adatti al tipo di utilizzo in pista, finireste con il danneggiarli rendendoli inutilizzabili e insicuri per la circolazione stradale.

Se desiderate utilizzare la vostra nuova Ford Mustang 2.3 EcoBoost oltre che per andare da casa al lavoro, oppure per accompagnarvi durante una passeggiata, per un utilizzo “pistaiolo” suggeriamo una semplice ma efficace modifica all’impianto frenate: dischi forati e baffati e pasticche performanti, rinforzare i tubi dei freni e direi anche utilizzare un olio dei freni più resistente non è da escludere magari un DOT 5.1.

Ford Mustang 2.3 EcoBoost, conclusioni.

La nuova Ford Mustang 2.3 EcoBoost è stata fonte di emozioni e divertimento ad un costo contenuto. Semplice e divertente da guidare, difficilmente si mette in difficoltà, con i controlli inseriti e senza esagerare con il gas la si può utilizzare tranquillamente tutti i giorni per andare al lavoro, i consumi sono contenutissimi, si parla di circa 12-14Km/l decisamente poco per una vettura da 317Cv

Consigliata, soprattutto per chi desidera un cavallo di razza senza sborsare una cifra proibitiva.

Alessandro Mamone
Lavoro nel mondo Automotive dal 2006, da prima come venditore, in seguito nell'ambito della Comunicazione e del Marketing Digitale Automotive. La guida è la mia passione, da sempre. Pista, Rally, Gare in Salita. Quattro oppure due ruote l'importante è che abbiano un motore a spingerle.
http://www.motornews360.it

Articoli Simili

Top